Articoli

Acquisto Azioni Proprie

ACQUISTO DI AZIONI PROPRIE

L’acquisto di azioni proprie è l’operazione attraverso la quale la società riacquista le sue stesse azioni . Tale operazione può essere effettuata per diversi scopi :

  1. per liquidare un socio che recede;

  2. per ridurre il capitale sociale;

  3. per creare una riserva di titoli che potrà essere usata per l’acquisto e/o scambio di azioni con altre società;

  4. sostenere il prezzo delle azioni.

Indipendentemente dagli scopi, l’acquisto di azioni proprie è sempre subordinato alla presenza in bilancio di un’apposita riserva indisponibile di importo pari al valore delle azioni acquistate.

Se l’acquisto delle azioni proprie viene fatto per scopi diversi dalla riduzione di capitale sociale occorre rispettare le limitazioni imposte dalla legge, in particolare artt. 2357 e 2358 del cc.

Un particolare limite prevede che la somma per il riacquisto non può eccedere la somma degli utili distribuibili e delle riserve disponibili risultanti dall’ultimo bilancio approvato.

Esempio

La Simit spa presenta la seguente composizione del Patrimonio netto, risultante dall’ultimo bilancio approvato:

  • Capitale sociale 1.500.000 (diviso in azioni del valore nominale di 10 euro)

  • Riserva legale 300.000

  • Riserva sovrapprezzo azioni 150.000

  • Riserva straordinaria 200.000

  • Utili a nuovo 1.150

Il 10/07 l’assemblea straordinaria delibera l’acquisto di 12.000 azioni proprie al prezzo compreso 9,85 euro e 10,25 euro, alla fine di rivenderle appena se ne presenti l’occasione favorevole. Il successivo 14/08, in esecuzione della delibera, le azioni sociali vengono acquistate a mezzo banca al prezzo di 10,20 euro.

Verifica se sono rispettate le condizioni di legge della delibera assembleare e redigi le scritture in P.D.

Svolgimento

La Simit spa ha un capitale sociale rappresentato da 150.000 azioni del valore nominale di 10 euro; secondo quanto stabilito dal codice civile, se la società è aperta al mercato del capitale di rischio, il consiglio di amministrazione può essere autorizzato ad acquistare al massimo il 10% di 150.000, cioè 1500 azioni proprie. Tale limitazione non si applica nelle società chiuse. Occorre inoltre verificare se la somma spesa per l’acquisto rientra nei limiti delle riserve disponibili risultanti dall’ultimo bilancio approvato . La riserva legale non è disponibile perchè esattamente uguale al limite del 20% del capitale sociale , sono invece disponibili la Riserva straordinaria di 200.000 e la Riserva Sovraprezzo azioni di 150.000. L’acquisto avviene a 10,20 e l’importo speso dagli amministratori è 10,20*12.000=122.400

Essendo rispettati ii vincoli legislativi, l’operazione di acquisto è valida.

In Partita doppia

Data

Conti

Dare

Avere

10/07

Azioni proprie

122.400

10/07

Banca cc

122.400

Acquisto 15.000 azioni proprie

10/07

Riserva straordinaria

122.400

10/07

Riserva azioni proprie

122.400

Giro a riserva indisponibile